Paragone infelice


Accuse contro la chiesa di Roma = a peggiori persecuzioni dell’antisemitismo.

Condividendo in pieno la reazione indignata dei fratelli Ebrei e l’analisi che essi hanno fatto della situazione scatenata dall’infelice accostamento di R. Cantalamessa, durante le celebrazioni del venerdì santo, io mi chiedo: perché paragonare gli attuali dispiaceri della chiesa di Roma alle persecuzioni contro gli ebrei e non piuttosto alle persecuzioni dell’inquisizione, sicuramente meglio e direttamente conosciute da coloro che, carnefici, ora cercano di passare per vittime? Ancora un tentativo di nascondersi dunque, celato dietro un ormai inevitabile richiesta di perdono che, mi si voglia scusare la durezza, non mostra ancora i segni della sincerità e della concretezza ma, così a me sembra, pare solo un atto tardivo  teso unicamente a limitare i danni economici e di immagine a causa di un fenomeno che potrebbe rivelarsi, per la chiesa di Roma, più devastane di un’eresia, di uno scisma, di una invasione barbarica messi insieme.

Non dimentichiamo mai come all’interno della chiesa siano presenti sia vergini savie che vergini stolte, uomini degni ed indegni, santi e demoni, ma mi pare proprio sia giunta l’ora che i secondi vengano allo scoperto e la smettano di celarsi dietro i meriti ed i sacrifici dei  loro compagni virtuosi, cosa che invece si cerca di fare con rinnovata energia con insinuazioni ovvie ed incontestabili del tipo: tutto ciò (scandalo pedofilia), non può annullare il tanto bene fatto fino ad ora …

Certo, la chiesa è sotto attacco e personalmente sono convinto che siamo  di fronte solo ad un pallido inizio dei suoi problemi. Altresì sono convinto che chi muove le fila di questo non sia probabilmente migliore di lei quanto ad intenzione, ma se questa è una volontà di Dio, poco deve importarci quale genere di strumento Egli usa per attuarla ed a poco servono i tentativi della chiesa di sedare questo incendio. Otterranno molto probabilmente l’effetto opposto.

Questo lo dico perché col suo occultare per millenni le proprie malefatte, non solo in ambito sessuale, la chiesa, l’istituzione, non certo la Chiesa spirituale, ha di fatto incamerato e fatto suo ciò che la devasterà nel giorno della sventura. Un piccolo riassunto delle ultime cose lo potete trovare in questa pagina: COSE DA SAPERE che raccoglie link ad articoli di stampa.

I Profeti, io credo, hanno più volte parlato di questo momento o comunque di una situazione molto simile e sovrapponibile a questa. Ne ho già scritto nei miei libri diversi anni fa. Forse è questo il momento (considerazione tutta personale ed opinabilissima) in cui una Giustizia vera che attende da tanti secoli il suo trionfo inizia a manifestarsi. Avremo modo di constatarlo personalmente.

Quando il Signore afferma:

Isaia 47:3 Si scopra la tua nudità,
si mostri la tua vergogna.
«Prenderò vendetta
e nessuno interverrà»,
Isaia 47:4 dice il nostro redentore
che si chiama Signore degli eserciti,
il Santo di Israele.
ed ancora:
Geremia 51:53 Anche se Babilonia si innalzasse fino al cielo, anche se rendesse inaccessibile la sua cittadella potente, da parte mia verranno i suoi devastatori». Oracolo del Signore.
a
potrebbe benissimo voler indicare una situazione tipo quella che la chiesa sta vivendo di questi tempi e anche a molto di più di quello che oggi è dato a vedere.
Ognuno può quindi trarre, secondo il proprio spirito, le deduzioni che può e vuole. Questa mia riflessione è solo un appunto per verificare il mio pensiero e la mia posizione in merito a quanto potrà nel futuro accadere. Anche la tardiva inversione di marcia sull’accostamento dei propri dolori alle vicissitudini scatenate dall’antisemitismo contro gli ebrei effettuata dal Vaticano è indice di un certo scompaginamento all’interno delle fila di questa istituzione. Se ciò servirà alla giustizia, a quella che finora non ci è stato dato di vedere, benvenga.
Io confido nel Signore.
Scuse e giustificazioni di Cantalamessa

4 commenti

  1. giacomokorn said,

    aprile 20, 2010 a 3:26 pm

    Analisi molto acuta, articolata, dettagliata: è quanto caratterizza ogni dire di Claudio Della Valle.
    Condivido in pieno quanto egli argomenta, e mi complimento vivamente per come sa esporre le sue idee.
    Anche il “bello scrivere” riflette l’onestà intellettuale del suo autore, la sua ambizione “reale” verso il bene, la conferma della sua profonda Fede in Dio.
    Pure io “spero” insieme a lui.

  2. Anonimo said,

    aprile 17, 2010 a 11:31 am

    SCONOSCIUTO GIORNO O TEMPO (preciso definito) DELLA FINE del Tempo della fine ANCHE AI SERVITORI GIUSTI

    Marco 13:33, 35 – state in guardia, vegliate, poiché non sapete quando sarà quel tempo
    Vegliate perché non sapete quando viene il padrone, che talora, venendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Ora, quel che dico a voi, lo dico a tutti:vegliate.

    Matteo24:44 perciò anche voi siate pronti perché nell’ora che non pensate il figliol dell’uomo verrà.

    – Chi ha troppa fretta e stabilisce date e tempi precisi rischia di fare il falso profeta e di diventare malvagio servitore che dice in cuor suo:-il mio padrone tarda a venire e batte i conservi ecc … .Dopo la delusione del primo secolo, senza il ritorno di Cristo, il cristianesimo si è avviato su questa brutta strada. A causa del mancato adempimento di false date e di false interpretazioni profetiche si perde la fede in Cristo e ci si prodiga per instaurare anzitempo teocrazie come quelle descritte nel capitolo “IL GRANDE INQUISITORE “ dei Karamazoff.

    Luca 21:34 – badate a voi stessi, che talora i vostri cuori non siano aggravati da crapula, ecc. ecc…e che quel giorno non vi venga addosso all’improvviso come un laccio.

    I segni del tempo della fine non stabiliscono date e tempi precisi. Il cristiano deve essere sempre spiritualmente sveglio, anziché fare il credente soltanto in funzione delle date e delle profezie. Purtroppo la storia è costellata di tanti falsi profeti in buona fede e in malafede che hanno fatto proseliti annunciando la fine imminente di questo mondo, per entrare in vari tipi di paradiso, anelati da tante persone sensibili, insoddisfatte e sofferenti, che rappresentano il terreno fertile dove fare attecchire i loro falsi ragionamenti.(Luca 21:8).
    Cristo e gli apostoli replicavano a coloro che aspettavano la liberazione o l’instaurazione del regno in quel tempo di non essere frettolosi perché non era loro concesso di sapere i tempi che il Padre tiene in suo esclusivo potere e controllo.
    In conclusione, come ho già scritto in precedenza, il cristiano non viene trovato sveglio da Cristo perché è ossessionato dalle date o dalle profezie del tempo della fine ma perchè porta l’abito interiore del cristiano con tutta l’armatura efficiente come descritto da Paolo nel capitolo di “pace e sicurezza” e da Gesù quando dice di amare,aiutare il prossimo come se stessi e Dio.
    Il tempo della fine è iniziato con Cristo. (I Pietro 1:5, 20, tutta la lettera di II Pietro)
    Atti 2:17, I Timoteo4:1, II Timoteo 3:1 Paolo dice a Timoteo di allontanarsi da costoro, in quel tempo).
    Il servitore fedele amministra i beni o serve i fratelli non ubriacandoli di profezie ma amandoli e aiutandoli spiritualmente e materialmente.
    Dai segni attuali si può ipotizzare che siamo vicini alla fine del tempo della fine, ma non andiamo in giro divulgando date e tempi come se avessimo certezze assolute. Il cristiano che ama Dio e il suo prossimo sarà sempre pronto al ritorno di Cristo.

  3. aprile 16, 2010 a 6:37 pm

    Caro Mr. Loto, sicuramente la liberazione effettiva, estesa, oggettiva dell’uomo dal male è riservata alla fine dei tempi o agli ultimi tempi come dici. Ma quanto durano questi ultimi tempi? Da Cristo in poi possiamo dire di essere negli ultimi tempi, anche se questa fase è durata 2000 anni. Anche io ho la sensazione (e la speranza) che siamo vicini ad una svolta decisiva. Ma ti dico pure che il mondo è già stato liberato e salvato allora, una volta per tutte. Sono argomenti che ho trattato estesamente nel Canto della Sorgente e nel libro sull’Apocalisse. Tuttavia ritengo sia bene precisare qui che la prima cosa di sé che l’uomo può subito liberare totalmente dal male è senza dubbio la propria coscienza, la propria mente: essa diverrà poi lo strumento puro della sua volontà per la lotta fattiva contro il male a cominciare da quel male che si nasconde in se stesso. Perciò è importantissima l’istruzione e la conoscenza delle cose di Dio oltre ogni inganno, anche generato da false dottrine. Sia solo l’amore il vaglio ultimo di ogni cosa, ma bisogna prima conoscere cosa sia l’amore (di Dio) ed in questo solo dovrebbe consistere la testimonianza di ogni vero cristiano al fratello: agire ed operare e vivere sempre in funzione dell’Amore per ogni essere o cosa sopra tutto, come Dio stesso fa primo fra tutti. Per quanto riguarda i cataclismi delle profezie io starei più attento ad interpretare letteralmente quelle parole. I cataclismi ci sono sempre stati; nulla di nuovo sotto il sole e io non me ne preoccuperei più di tanto. I cataclismi che sono da tenere d’occhio, secondo me, sono di natura diversa da quella astronomica o naturale e geologica, sono quei cataclismi che vanno a coinvolgere strutture e concezioni umane che fin’ora si erano dimostrate eterne, irrinunciabili, intramontabili, beate, déiformi oserei dire. Che poi anche la natura contribuisca nel dare di questi “scrolloni” è solo un fatto secondario e di trascurabile importanza a mio avviso.

  4. Mr.Loto said,

    aprile 16, 2010 a 4:23 pm

    Da quanto ho appreso dalla lettura dei testi sacri ritengo che la lotta tra il bene ed il male durerà fino a che vi sarà l’uomo sulla terra; è solo negli ultimi tempi che si potrà sapere con certezza chi è con Dio e chi no. Sempre secondo i testi sacri gli “ultimi tempi” saranno prannunciati da una serie di catastrofi che si verificheranno un po’ in tutto il mondo ( terremoti, tsunami?)e dal dilagare di persone poco serie come cialtroni, maghi truffatori ed impostori. Che la fine sia vicina?
    Noto sempre con piacere la tua precisione e profondità di pensiero nel trattare questi temi.
    Un caro saluto.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: