Le incertezze dell’oggi

L’epoca presente, con il suo proliferare di mezzi di comunicazione, permette diffusamente l’accesso ad un grande massa e varietà di documentazione, libri, articoli ecc. Tutto ciò consente a coloro che hanno il tempo di dedicarvisi di valutare ed acquisire facilmente un enorme, soverchiante numero di dati di ogni tendenza, impensabile solo alcuni anni or sono.

In materia di religione o meglio di conoscenza di Dio, ho potuto tastare con mano la consistenza, la diffusione e la grandissima articolazione di due fronti o poli ben individuabili, seppur molto variegati nel modo di presentarsi o di “travestirsi”. Attorno ad ognuno di essi gravita una sterminata galassia di vite, azioni, credenze umane, interessi che ne albergano, spesso inconsapevolmente la polarità e l’imperio.

Li denominerò sommariamente, nel loro abito generico, come fronte ecclesial-religioso-spirituale e fronte ateista-materialista-positivista. Ad essi si ricollegano innumerevoli altre posizioni contrapposte quali, ad esempio, razionalismo e misticismo, per finire in politica con le varie prese di partito, con simpatie ed antipatie ideologicamente motivate conseguenti verso un popolo o l’altro e relativi culti e politiche.

Entrambi forti di elementi di riscontro, di studi profondi, robusti ed altamente eruditi, pare che i fronti si facciano opposizione esclusivamente in onore e difesa della Verità, anche a suon di dispute di altissimo livello, ma in realtà ho visto chiaramente come la loro azione consegue e persegue nei fatti un solo risultato: allontanare, sviare l’uomo dalla sana conoscenza di Dio e dalla Speranza ovvero attentare alla sua buona Fede innata e privarlo dei suoi benefici, facendo in modo da isolarlo a priori dall’accesso ad un terza via possibile, probabile o quantomeno ipotizzabile.

Se questi sono i frutti di cotanta erudizione, allora è forse meglio essere ignoranti, è meglio rimanere piccoli e semplici (entro certi limiti), almeno si eviteranno influenze, perdite di tempo e disturbi alla manifestazione, povera ma SINCERA, della propria intenzione natia.

I signori, i padroni delle religioni (cioè coloro che credono di esserlo e si comportano come tali: i preti, ma anche, sul fronte opposto, i positivisti, gli atei, dato che anch’essi, sebbene con modalità diverse, troppo spesso fanno una religione, seppur non apertamente dichiarata, delle loro convinzioni e posizioni), forniscono troppe volte, con la loro ipocrisia, coi loro errori, con la loro storica malafede, malvagità e falsità gli elementi, lo spunto all’esasperazione improduttiva e conflittuale delle convinzioni della controparte. Entrambe detengono ovviamente elementi a ragione, elementi di verità e valori oggettivi che certamente meritano di essere evidenziati e considerati, ma ciò non è per nulla sufficiente per possedere o arrogarsi in esclusiva la corona della Verità. La verità incespica in piazza si suol dire a ragione; ciò per significare che attualmente una visione sintetica di essa può essere colta appieno solo individualmente, nell’uomo,  e ciò già a fronte di molte difficoltà da superare, una delle quali è proprio quella che sto esponendo. La strenua necessità dell’uomo di appartenere, di identificarsi e di identificare gli altri in uno dei due fronti o delle loro innumerevoli propaggini e dipendenze rende l’uomo schiavo di un solo sistema, che è solo volto a negargli il diritto della prima libertà cui dovrebbe aspirare: quella di poter vivere ed essere circondato, istruito solo della verità!

Il dualismo antagonista, conflittuale fra religione e scienza fra sciamanesimo-magismo religioso anche camuffato da culto spirituale dell’unico DIO e materialismo scientista, preferibilmente o inevitabilmente ATEO, causano infine una sola vittima: lo Spirito (dell’uomo e di Dio), che viene completamente negletto, stornato dagli uomini in un modo o nell’altro, secondo le proprie inclinazioni particolari.

Il dogma posto in opposizione al metodo scientifico; l’anima contro la ragione; la concessione generosa di esistere data dall’uomo ad una possibilità che potrebbe rivelarsi reale, quale la Verità di Dio, contro, per così dire, “l’avarizia” la “taccagneria”insita nella imprescindibile, obbligatoria “dimostrazione scientifica” a sostegno di ogni elemento umanamente considerabile.

Inoltre i perfidi hanno abusato e profittato in ogni modo possibile di queste due innate e ristrette visioni umane contribuendo in totale malafede alla stratificazione di errore su errore, di rivalsa su rivalsa, di incomprensione su incomprensione, di ingiustizia su ingiustizia e il tutto a solo detrimento della Verità che permane lontana dalla cognizione umana a causa di queste precise responsabilità oltre che di errori e comprensioni mancate. In fondo, questi atteggiamenti non sono che due modi pretestuosi ed abilmente dissimulati di esplicarsi da parte dell’unico orgoglio degli uomini. Il  male che li avvelena, li inganna e li rende schiavi se la ride delle dispute viscerali dallo stesso proposte e condizionate, appigliandosi alle particolari inclinazioni e debolezze personali, facendo sì che l’uomo svolti immancabilmente a destra o a sinistra di quella che è la Via esatta, la cui esistenza si può semplicemente dedurre dal fatto che la nostra natura tende di per se stessa, istintivamente, all’esattezza ed alla verità

Dulcis in fundo, l’uomo deluso, disperato, dopo averle provate tutte inutilmente e non avendo trovato quel che cercava, si convincerà quasi certamente che Dio è morto e giungerà alla conclusione che non esiste, visti i ministri indegni, dandosi magari, per trovare consolazione ed ovviare all’immancabile depressione che consegue l’insuccesso, alla droga, all’alcool ed a tutte le altre cose che demoliscono l’uomo procurandogli una gioia effimera a prezzo della sua mercificazione morale e materiale.

In queste condizioni l’esito del procedimento dovrebbe essere praticamente scontato e la fede e la dignità umana ne escono troppo spesso distrutte in massimo grado.

Già solo queste mie povere considerazioni dovrebbero farci sospettare che qualcosa non quadra in quei bei sistemi fatti di belle parole troppo abusate che vanno per la maggiore.

Ma un esempio su questo dualismo improduttivo potrà forse chiarire meglio i concetti.

Definizione dogmatica: dal catechismo della chiesa cattolica

1. Chi ci ha creato?

Ci ha creato Dio.

2. Chi è Dio?

Dio è l’Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra.

Queste sono due risposte al problema esistenziale cui si può giungere coscientemente attraverso una conquista personale e vitale oppure che si possono ricevere ed assumere tal quali ed essere così ritenute verità. E’ ciò che accade inizialmente nei giovani e nei bambini che subiscono la formazione cristiana i quali, causa la propria inesperienza di vita, non resta che accettare per buone o meno definizioni altrui. Gli si inculcano inizialmente questi principi con lo scopo dichiarato di indirizzarli al bene ed evitare loro inutili perdite di tempo. Nel caso però che essi riscontrino, anche in un esame futuro, a maturità raggiunta, l’ipocrisia dei loro maestri, potrebbe però accadere il rigetto in toto di insegnamento ed insegnante indipendentemente dalla verità oggettiva dei contenuti trasmessi.

Quanto invece può produrre la ragione:

Epicuro così speculava sulla possibile esistenza di Dio: da Wikipedia

  • Dio non vuole il male ma non può evitarlo (Dio risulterebbe buono ma impotente, non è possibile).
  • Dio può evitare il male ma non vuole (Dio risulterebbe cattivo, non è possibile).
  • Dio non può e non vuole evitare il male (Dio sarebbe cattivo e impotente, non è possibile).
  • Dio può e vuole; ma poiché il male esiste allora Dio esiste ma non si interessa dell’uomo. Questa è la conclusione che Epicuro considera vera: gli dèi sono indifferenti alle vicende umane e si chiudono nella loro perfezione.

Queste sono nulla più che tutte le deduzioni che una mente umana, pur pensando razionalmente ed esattamente come un computer, può fare in base alla propria facoltà intelligente e agli elementi che le pervengono dai sensi esteriori  considerando soprattutto al problema difficile a spiegare del male oggettivamente presente nella vita umana. Il risultato che se ne ottiene coincide con una pura constatazione dei fatti in tutte le loro possibilità ed è quindi, a suo modo, scientifico, incontestabile e perfettamente dimostrabile (finché si voglia permanere nell’ambito relativo stabilito dal ragionatore). Su questo ed altri simili ragionamenti gli atei, i razionalisti, molti scienziati fondano le ragioni e le dimostrazioni del loro non credere in Dio, mentre i credenti accettano e credono (spesso solo dogmaticamente, per comodo o partito preso  e senza curarsi di coltivare quella fede), delle affermazioni che in ogni caso non si possono dimostrare sul piano meramente scientifico a causa del fatto che l’oggetto della dimostrazione: Dio, trascende in toto, per sua stessa natura, questo piano stesso. Pretendere da parte dello scienziato o dell’uomo stesso di analizzare scientificamente Dio mettendolo in una provetta, è come pretendere di costruire una casa con le fondazioni poste sulle nuvole. Ciò invero è molto poco scientifico come è molto poco scientifico affidare la propria strategia del credere ad un ragionamento svolto unicamente sui dati oggettivi, riscontrabili e scientifici in possesso dell’uomo mentre chiunque sa benissimo che nella sfera esistenziale esistono moltissimi elementi il cui valore oggettivo permane tuttora incognito all’umanità. Ora chiunque sa bene che se un solo elemento di qualsiasi espressione matematica ha valore indeterminabile prudenza vorrebbe il ritenere possibile o ammissibile per esso qualsiasi valore fino a prova contraria. In altre parole, dietro la incognita x da noi indeterminabile potrebbe esserci di tutto anche un intero universo o piano capace di demolire o inglobare e perciò relativizzare ogni teoria scientifica prodotta dagli uomini.

Sia per gli appartenenti ad un fronte che all’altro, io credo che la loro ricaduta o captazione nei rispettivi schieramenti avvenga innanzitutto col favore della inesperienza del soggetto, in secondo luogo a causa di insegnamenti limitati,  magari inculcati come una vera e propria violenza, senza che sia contestualmente presentata la ragione di essi convalidata dall’esperienza e dalla testimonianza esemplare dei maestri. Ritengo infine, che vi sia anche una non secondaria predisposizione individuale a subire  acriticamente questi condizionamenti ideologici.

Ma perché è così importante perseguire la Verità da parte dell’uomo? Chi conosce la Verità, quella che sta sopra tutto non può essere ingannato da nulla ed è totalmente immune dai condizionamenti delle apparenze. Pertanto vive una vita sicuramente priva di vie cieche ed improduttive e contempla in ogni stante la perfezione anche se essa non è al momento riportabile in questo mondo. Egli sa che la perfezione è quantomeno possibile!

Chi ha conosciuto la Verità ha, individualmente, le risposte ai problemi esistenziali ed è libero dall’affanno, dando anche un senso ed un frutto alle tribolazioni vitali che comunque subisce al pari o peggio di altri.

La conoscenza della verità è il rimedio alla depressione, all’angoscia ed a tanti altri mali oscuri del nostro tempo.

Quello che mi preme sottolineare è comunque ciò che io ritengo essere un errore di fondo gravissimo.

Al contrario di come si ritiene comunemente, io penso che la Verità sia comunque qualcosa che sta al di fuori e al di sopra delle parti, anche di quelle più esatte e “vere”.

Mi spiego:

Essendo la Verità fatta per dimorare nel cuore degli uomini ed esservi diconosciuta, per indirizzarlo, io credo che la prima e più importante cosa in grado di farla esistere sia l’Amore (ovvero la Carità), che uno mette nel cercarla e perseguirla piuttosto che la vastità o la scelta dei mezzi che ha a disposizione nella vita. Quella persona, infatti, per quanto possa essere erudita, quasi certamente non sarà in grado di appurare con esattezza assoluta, in prima persona, come realmente si svolsero i fatti su cui basa la sua fede; potrebbe anche essere stata ingannata e i fatti o gli scritti adulterati specie se parliamo di eventi accaduti secoli e secoli or sono. D’altro canto è un fatto constatabile che la scienza, per poter divenire assolutamente esatta, deve proporzionalmente restringere il campo delle sue considerazioni ed analisi, causa, proprio, la vastità e la complessità estrema della nostra sfera vitale con tutte le sue implicazioni ed interconnessioni di portata universale. Ciò porta ad una inevitabile relativizzazione delle conclusioni.

Tutto ciò per dire che quando si abbia Amore nelle cose tutte , anche nell’apprendere ed istruire il nostro essere, si vengono a possedere le chiavi di accesso a tutto: alla Verità, alla Libertà, alla pienezza dell’esistenza, indipendentemente dalle condizioni oggettive in cui questa è vissuta. Sì, perché quello che se ne ricava è soprattutto uno stato interiore del tutto desiderabile ed amabile.

Giustamente perciò afferma Paolo:

1Corinzi 13:1 Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna.

1Corinzi 13:2 E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla.

1Corinzi 13:3 E se anche distribuissi tutte le mie sostanze e dessi il mio corpo per esser bruciato, ma non avessi la carità, niente mi giova.

Questo vale sia per la scienza che per la religiosità; questo indica all’uomo cosa veramente deve importargli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: